Decreto sostegno. Le novità. (parte prima).

Aggiornato il: apr 27


Ieri, finalmente, è stato pubblicato il “ Decreto Sostegno “. Le novità riguardano:

Rottamazione: I versamenti non effettuati durante l’anno 2020 slittano al 31.07.2021 mentre quelli scadenti nel 2021 slittano al 30.11.2021;

Cartelle esattoriali: Il pagamento di tutte le cartelle esattoriali scadute è sospeso fino al 30.04.2021;

Per tutti i contribuenti che per l’anno 2019 hanno dichiarato un reddito non superiore a € 30.000,00 vengono cancellate tutte le cartelle esattoriali i cui ruoli sono stati consegnati all’agente della riscossione entro il 31.12.2010 di importo, compreso di tributi, interessi per dilazione di pagamento e sanzioni non superiori a € 5.000.

Le cartelle di cui sopra saranno cancellate anche se sono state inserite nella cosiddetta rottamazione ter o nel saldo e stralcio. Per quelle già pagate non ci sarà nessun rimborso.

Non saranno cancellati i ruoli relativi ad aiuti di stato non spettanti, condanne al pagamento da parte della Corte dei Conti, multe, ammende e sanzioni pecuniarie relative a condanne penali.


Con apposito decreto saranno fissate le modalità per la cancellazione delle predette cartelle.

Avvisi bonari: I cosiddetti avvisi bonari, cioè le comunicazioni di irregolarità, relativi alle dichiarazioni dell’anno 2017 e 2018 potranno essere definiti senza il pagamento delle sanzioni mediante una nuova comunicazione che l’Agenzia delle Entrate invierà in automatico a coloro i quali nel 2020 hanno subìto una diminuzione del volume d’affari di almeno il 30% rispetto al 2019.

La stessa cosa vale anche per l’INPS per la regolazione dei contributi previdenziali.

Le comunicazioni saranno inviate via PEC.

Non si farà luogo a rimborsi per gli importi delle sanzioni già pagati.

OCRI: Le comunicazioni che l’Agenzia delle Entrate, l’INPS e Riscossione Sicilia dovranno effettuare al superamento delle soglie previste per mancati versamenti rispettivamente di IVA, contributi e cartelle esattoriali, viene slittata al mese di agosto 2022. Se l’invito a regolarizzare il debito non viene accettato dal contribuente scatterà la segnalazione di apertura della crisi presso l’OCRI con tutte le conseguenze del caso.

Canone RAI: Il canone RAI dovuto dalle imprese che effettuano commercio al minuto di alimenti e bevande e somministrazione è ridotto del 30%.



0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti